Sa Battalla: 30 giugno 1409 – 30 giugno 2022

E’ una torrida alba quella del 30 giugno 1409. In località Su Bruncu l’esercito sardo guidato da Guglielmo di Norbona attende da una colle l’arrivo di quello aragonese che, giungendo da Cagliari, costeggia il vicino fiume Mannu. Eccolo all’orizzonte con in testa Martino Il giovane,  erede della Corona d’Aragona. Gli emissari dei due eserciti si incontrano, discutono ma non si accordano. Partono le prime frecce incendiarie. Una leggere brezza si porta dietro l’odore del fumo,  si solleva la polvere dagli zoccoli dei cavalli al galoppo per il primo scontro. “Sa Battalla è iniziata”.

Vincerà Martino, la sconfitta di Sanluri decreterà il tramonto del Giudicato d’Arborea e la perdita dell’indipendenza del Popolo sardo.

<Con Sa Battalla – dice il sindaco Alberto Urpi – vogliamo mantenere vivo il ricordo del sacrificio di tanti sardi alla ricerca dell’autodeterminazione e della libertà>.

Per non dimenticare  30 giugno 1409 – 30 giugno 2022